Dimissioni

Oggi 16 ottobre 2021, a Roma manifestazione in piazza della CGIL con in testa il suo segretario Landini. Il sabato precedente la sede della CGIL è stata devastata nonostante le forze dell’ordine e il ministro in persona sapessero in anticipo. Nulla è stato fatto per fermare un atto vandalico ma tanto si fa per gridare da vittime. Stupirebbe se il segretario Landini, oggi, non chiedesse le dimissioni del ministro dell’Interno.

I fatti

Un ampio gruppo di persone si è staccato da una manifestazione a Piazza del Popolo (Roma) e ha proceduto per chilometri, a piedi, per circa tre quarti d’ora, alla presenza delle Forze dell’Ordine antisommossa. Il promotore, come era noto, ha in capo a sé un Daspo (provvedimento che non gli consente di partecipare a cortei, manifestazioni e assembramenti) e non poteva essere lì. Pare che dette persone non fossero armate, eppure il Ministro si giustifica dicendo che ha non li ha fatto bloccati perché altrimenti avrebbero potuto compiere “atti peggiori”. Quali?

Ipocrisia

Oggi, in pieno silenzio elettorale per il ballottaggio di domani si è concessa una simile manifestazione rimandabile di anche solo pochi giorni. È noto che oggi saranno presenti tutti gli esponenti politici di sinistra che parleranno da un palco alla faccia di ogni norma riguardo alle elezioni.

Landini

“Questa è una manifestazione che difende la democrazia di tutti. L’attacco alla Cgil, l’attacco al sindacato è un attacco alla dignità del lavoro di tutto il Paese. Siamo qui non per difendere qualcuno ma per difendere la democrazia e per estenderla”. Affermazioni che fanno uno strano effetto proprio quando imperversano le manifestazioni  contro il governo, e il diritto al lavoro, ridotto a pagamento di continui tamponi a carico delle tasche dei lavoratori. Non sembra che il mondo sindacale “dorato” si stia preoccupando di difendere le vere istanze dei lavoratori, né lo stanno facendo certi partiti nati per tutelare il mondo operaio prima di tutto. A chi giova tutto questo? Basta tirare fuori l’argomento antifascismo e fra pochi giorni si saranno dimenticate le responsabilità.

Se non lo dice Landini, lo vorrebbe il buon senso: dimissioni del Ministro dell’Interno.

Rosario Galatioto

Fiction Lamorgese

Intervenga l’Europa

Lamorgesità


Per il beneficio di tutti, fornisci il tuo parere!

it Italian